marchio  
 
[Home] [Contatti] [Mappa del sito] [Privacy]  
La "Carta del Rischio" è un sistema informativo territoriale di supporto scientifico e amministrativo agli Enti statali e territoriali preposti alla tutela del patrimonio culturale.


Il SIT Carta del Rischio, messo a punto dall'Istituto Superiore per la Conservazione (già ICR)á è un sistema di sperimentazione e ricerca sul territorio, per la conoscenza sul rischio di danno dei beni immobili.
Il SIT è un sistema di banche dati, alfanumeriche e cartografiche, in grado di esplorare, sovrapporre ed elaborare informazioni intorno ai potenziali fattori di rischio che investono il patrimonio culturale.
Per la costruzione del modello di rischio è stato adottato un approccio statistico, sulla cui base i singoli beni sono valutati come "unità" di una "popolazione statistica" di cui si mira a valutare il livello di vulnerabilità e quindi di rischio.
I Fattori di Rischio sono stati suddivisi in:
- Vulnerabilità Individuale (V), ossia una funzione che indica il livello di esposizione di un dato bene all'aggressione dei fattori territoriali ambientali
- Pericolosità Territoriale (P), ossia una funzione che indica il livello di potenziale aggressività di una data area territoriale, indipendentemente dalla presenza o meno dei beni
A tale scopo i dati inseriti nel sistema sono stati acquisiti in tempi e modalità diverse a secondo dei progetti che si sono succeduti nel corso degli anni, quindi in banca datiásono stati inseriti, attraverso le campagne di acquisizione presso le soprintendenze territoriali, beni monumentali con decreto di vincolo emessi fino al 2004 oppure con progetti di ricerca in collaborazione con varie università italiane e enti istituzionali, o con l'acquisizione del rilevamento dei danni sui beni provenienti dal terremoto delle Marche e dell'Umbria del 1997.
In tal proposito, data la disparità delle fonti di acquisizione, si sottolinea che i dati presenti nel sistema non sono certificatiáe ovviamente non sono esaustivi di tutti i beniápresenti sul territorio.


Da questo sito è possibile:


validazione w3c validazione w3c